Informazioni

cambio del pannolino: informazioni e consigli utili

Il momento del cambio del pannolino

Quando un neonato entra in casa, è importante dedicare un luogo apposito per il consueto cambio del pannolino, utilizzando un piano sicuro in un ambiente comodo e ben riscaldato. Fasciatoio, teli, asciugamani, pannolini, creme lenitive, detergenti, salviettine inumidite e possibilmente anche un giochino per il piccolo: tutto deve essere pronto e a portata di mano quando cambiamo il pannolino per non doverci assentare neanche per un istante mentre il piccolo è sul fasciatoio.

Il cambio del pannolino è uno dei momenti speciali per il piccolo, durante il quale c'è un contatto diretto tra il suo corpo e chi lo accudisce. Studi recenti hanno indicato come tutte le operazioni di accudimento, compreso il momento del cambio del pannolino (che mediamente dura fino a quando il bambino non sarà indipendente, e cioè attorno ai due-tre anni) abbiano ripercussioni fondamentali sulla sua vita adulta, sia per quanto riguarda la percezione di sé sia quella degli altri. È un momento delicato, di cura, in cui l'attenzione è tutta rivolta verso di lui, ed è importante che questa operazione quotidiana venga eseguita con tranquillità, serenità, calma e senza gesti bruschi. In questo modo, sia per il piccolo che per l'adulto, questo momento potrà trasformarsi in un contatto intimo e piacevole, molto gratificante per entrambi.

Il cambio del pannolino va effettuato ogni volta che sia necessario (mediamente ogni due o tre ore), considerando che cambiandolo frequentemente la pelle si mantiene asciutta e pulita. Ci sono neonati che preferiscono essere cambiati prima della poppata, altri invece dopo. In alcuni casi è conveniente cambiare il pannolino nel momento in cui il piccolo si è staccato da un seno, per poi, dopo il cambio, attaccarlo all'altro. Buona norma è controllare che il sederino non si arrossi e lavare il piccolo ogni volta che sia possibile con acqua corrente tiepida e una piccola quantità di detergente liquido delicato. La pelle va asciugata bene, con delicatezza, tamponando e senza sfregare, dopo di che, prima di mettere il nuovo pannolino, si può lasciare la pelle all'aria il maggior tempo possibile. Se ve ne è bisogno, prima di mettere il pannolino può essere utile applicare uno strato sottile di crema idratante o, nel caso in cui vi siano delle irritazioni, una crema a base di ossido di zinco. Purtroppo infatti, possono verificarsi casi in cui il bambino soffra di eritema da pannolino o che sviluppi una fastidiosa dermatite da pannolino, che potrà essere curata rivolgendosi al proprio pediatra. In questi casi, durante il cambio, sarà buona norma non utilizzare salviette inumidite, che potrebbero irritare ancora di più la pelle del piccolo. Ricordarsi infine di preparare vicino al fasciatoio un cambio di vestitini, in modo da aver tutto a portata di mano se il bambino dovesse sporcarsi durante il cambio.

Quali articoli scegliere per il cambio del pannolino

Importante dotarsi di un fasciatoio morbido e stabile, dell'altezza giusta per prevenire possibili mal di schiena. Il piccolo deve stare comodo e sentirsi sicuro. Molti i modelli in commercio, garantiti riguardo sicurezza e qualità dei materiali dalle normative europee, da quelli della Cam a quelli della Foppapedretti, della Brevi e della Primi Sogni, in modelli che possono essere dotati anche di vari accessori, dai cassetti alle ruote al contenitore gettapannolini a vani portaoggetti ed anche di vaschetta per il bagnetto. Inoltre fasciatoi a materassino oppure gonfiabili, utili in viaggio o in vacanza, ed anche pratiche e capienti borse fasciatoio e set per il cambio, per avere tutto l'occorrente sempre con sé, da poter comodamente appendere alla carrozzina o al passeggino.

Per quanto riguarda le salviette umidificate e i dischi di cotone, questi sono molto utili per rinfrescare la pelle dopo la pipì o, nel caso non sia possibile utilizzare acqua corrente, per pulire il sederino. Le salviette andrebbero scelte in base ai materiali con cui sono realizzate: importante infatti che rispettino la pelle delicata del bambino, che non contengano ingredienti aggressivi e che siano realizzate in materiali naturali. Prodotti della Chicco, della Pampers, della Huggies e di molte altre ditte, anche tra quelle più attente ai prodotti e ai materiali ecologici, come ad esempio le salviette con aloe vera della Naty Ny Nature Babycare.

Asciugamani, teli in garza, guanti da bagno sono molto utili durante il cambio del pannolino per asciugare e tamponare la pelle del piccolo. Importanti i materiali, che dovrebbero essere morbidi e naturali. Per quanto riguarda i pannolini, questi dovrebbero essere sistemati in un punto facilmente raggiungibile vicino al fasciatoio. Utili i pratici porta pannolini, in molte forme e fantasie, per averne sempre una scorta a portata di mano. Altrettanto utile sarà avere vicino al fasciatoio un contenitore per pannolini usati, un secchio o un bidoncino, nel quale spesso è possibile utilizzare sacchetti trattati per limitare al massimo gli odori.

Tra le varie proposte regalo per una nascita, sempre molto gradite le torte di pannolini, oggi proposte da molte ditte, dalla Babyconfort alla Huggies alla Disney, in tanti divertenti e colorati modelli. Oltre ai classici pannolini usa e getta, ampia produzione anche di pannolini in stoffa, quali ad esempio i Popolini, lavabili, in materiali naturali, per un maggior rispetto dell'ambiente e per esporre il meno possibile la pelle delicata del bambino al contatto con materiali sintetici. Inoltre, pannolini ecologici quali quelli proposti dalla Naty By Nature Babycare e i pannolini da nuoto riutilizzabili, adatti per i piccoli nuotatori.

Molte le creme lenitive per il cambio del pannolino. Nel caso in cui non vi siano irritazioni particolari, può essere sufficiente applicare un velo di crema idratante e protettiva, possibilmente realizzata con ingredienti naturali, come ad esempio quella alla calendula o alla malva della Weleda o quella emolliente della Linea Bimbi della Helan, quella della Avene o quella delicatissima antirossore della Flora. Sempre valida, inoltre, la classica Pasta di Fissan. Le creme all'ossido di zinco proteggono la pelle del bambino in caso di irritazioni, formando una barriera tra pelle e pannolino e aiutando la pelle a rigenerarsi. Ottima, in questo caso, la crema protettiva all'ossido di zinco della L'Amande, quella della Weleda e quella protettiva calmante della Helan.

IsIhop.it offre esclusivamente un servizio di comparazione prezzi, non siamo un negozio online, per ogni informazione sui prodotti è necessario rivolgersi ai rispettivi negozi online.

il Blog

Attualmente non disponibile.